Come alimentare gli elettrodomestici con il fotovoltaico

Se la tua casa ha pannelli solari – installati da te, dal tuo padrone di casa o tramite un programma di “affitto sul tetto” – potrebbe essere necessario ripensare al modo in cui consumi l’elettricità per ottenere il massimo beneficio. Questo per assicurarti di sfruttare al massimo l’elettricità gratuita generata dai pannelli solari. Potrebbe significare che devi cambiare le tue routine e pianificare in anticipo, ad esempio usando la lavatrice o la lavastoviglie durante il giorno anziché la sera.

Alimentazione diretta degli elettrodomestici

I pannelli solari fotovoltaici (o fotovoltaici) convertono l’energia della luce solare in elettricità, e questa è effettivamente elettricità gratuita che può essere utilizzata nella tua casa (una volta tenuto conto del costo di installazione dei pannelli, ovviamente). L’elettricità in eccesso viene esportata nella rete.

Un esempio tipico in cui vengono generati 500 W di potenza dai pannelli solari e una lavatrice utilizza 2.000 W. Più potenza viene utilizzata dall’apparecchio di quella che viene generata dai pannelli solari, quindi vengono forniti 1.500 W in più acquistati dal tuo fornitore.

In una giornata di sole in estate, un impianto solare fotovoltaico da 3 kW può generare da 2.000 a 3.000 W a metà giornata – sulla potenza di un normale bollitore. La potenza in uscita sarebbe meno in una giornata nuvolosa, al mattino presto, alla sera o in inverno.

Per sapere quali elettrodomestici possono essere alimentati dai tuoi pannelli solari, aiuta conoscere  quanta energia consumano diversi elettrodomestici. L’energia elettrica utilizzata dagli elettrodomestici varia a seconda della marca e del modello, ma vi sono dei valori tipici. La maggior parte degli apparecchi dovrebbe avere un pannello informativo che ne mostri il consumo in watt (W) o kilowatt (kW) – 1 kW è 1000 W.

Se i tuoi pannelli solari generano oltre 1.200 W in un determinato momento, saresti in grado di alimentare un frigo-congelatore da 300W, un microonde da 800W e diversi piccoli elettrodomestici come il router a banda larga e le lampadine a LED.

Alimentazione tramite la rete di casa che integra

Pertanto, ci saranno momenti in cui utilizzerai più elettricità di quella prodotta dai pannelli, ad esempio nelle giornate nuvolose o nelle serate buie. In questi momenti l’elettricità extra verrà importata dalla rete nazionale, come era prima che tu avessi i pannelli, e ti verrà addebitata dal tuo fornitore di energia alla tariffa normale.

Se hai un contatore intelligente, è possibile vedere quanta elettricità è la tua casa acquisti dalla rete elettrica utilizzando il display in-home del contatore intelligente (IHD). Quando il tuo impianto solare fotovoltaico genera più elettricità di quella che stai consumando, l’IHD dovrebbe mostrare che non stai importando elettricità.

Un tipico array domestico di pannelli solari ha una potenza nominale di circa 3000 watt (3000 W o 3 chilowatt). Ciò significa che mentre il sole splende su di loro produrranno circa 3000 W di elettricità purché i pannelli siano rivolti più o meno a sud e siano inclinati ad angolo retto per ricevere la maggior parte della luce solare e che i pannelli non siano ombreggiati da un albero, edificio ecc. In un pomeriggio nuvoloso di dicembre, ovviamente, l’uscita potrebbe essere più vicina a 200 W.

Per sapere come utilizzare al meglio questa energia, è necessario avere un’idea di quanta elettricità consumano i diversi apparecchi. Diamo un’occhiata ad alcune tipiche potenze nominali (vedi Cosa utilizza Watt per ulteriori informazioni):

  • Lampadina a basso consumo: 15W
  • Frigorifero: 100 W
  • Computer portatile: 150 W
  • Microonde: 750 W
  • Lavatrice: 2500 W (2,5 kW).

E supponiamo che i tuoi pannelli solari stiano generando 1000 W (1 kW) costanti. Di questi, 100 W saranno utilizzati dal frigorifero (anche se non continuamente poiché si accende e si spegne durante il giorno) che lascia 900 W per gli altri elettrodomestici.

Quindi, in base alle valutazioni di cui sopra, potresti utilizzare il tuo forno a microonde da 750 W gratuitamente e avere ancora 150 W disponibili per far funzionare apparecchi di potenza inferiore, come le luci. Ovviamente, non puoi far funzionare una lavatrice da 2500 W con solo 900 W, quindi pagherai per i 1600 W in più di cui hai bisogno e che i pannelli solari non possono generare.

Ne consegue che dovresti scaglionare l’uso di apparecchi ad alta potenza per sfruttare al massimo l’elettricità gratuita disponibile. Questo potrebbe significare aspettare che la lavatrice finisca prima di avviare la lavastoviglie.

Fuori durante il giorno?

Le famiglie che sono a casa durante il giorno possono sfruttare più facilmente l’elettricità gratuita rispetto a quelle che sono a casa solo la mattina e la sera.

In queste situazioni possono essere utili i timer di avvio ritardato integrati per elettrodomestici come le lavatrici o l’utilizzo di una pentola a cottura lenta per la cena anziché il piano cottura elettrico.

Se possiedi la tua casa e hai i soldi da investire, potresti anche esplorare l’installazione di una batteria.

Display dell’inverter

Un display sul tuo inverter (cerchiato nella foto sotto) ti informerà di quanta elettricità viene generata. L’inverter è lì per convertire l’elettricità generata dai pannelli solari da corrente continua (CC) in corrente alternata (AC), una forma che i tuoi elettrodomestici possono utilizzare.

Se sai quanto consumano i tuoi elettrodomestici, potrai guardare il tuo inverter e quindi scegliere cosa far funzionare per sfruttare al massimo l’elettricità gratuita prodotta. Ma ricorda che ciò che leggi sul display del tuo inverter mostra l’uscita in quel particolare momento; questo può cambiare rapidamente in base alle condizioni meteorologiche.

Potrebbe valere la pena prendere nota della potenza nominale dei tuoi elettrodomestici (ad es. laptop, 150 W; asciugacapelli, 1300 W) e tenerla accanto al display dell’inverter per aiutarti a prendere decisioni rapide su quale apparecchio desideri utilizzare.

Leave a Reply