Come collegare l’inverter al pacco batterie?

Un pannello solare fotovoltaico utilizza l’effetto fotoelettrico per convertire l’energia solare in elettricità. Questa elettricità viene generata ad una tensione caratteristica del pannello e viene trasmessa sotto forma di corrente continua a un banco di batterie, dove carica le batterie. Da lì, deve essere convertito alla corrente alternata domestica per essere utile, e questo è il lavoro dell’inverter. Un componente aggiuntivo è però necessario in un sistema solare fotovoltaico, ovvero un regolatore di carica tra il pannello e le batterie per proteggerle dal sovraccarico.

Come si collega un inverter a un banco di batterie?

Gli inverter superiori a 500 watt devono essere cablati direttamente al banco batterie. Il manuale dell’utente dell’inverter specificherà la dimensione del cavo da utilizzare. La dimensione del cavo dipende anche dalla distanza tra l’inverter e la batteria. È sempre bene utilizzare la lunghezza del cavo più corta che sia pratica. Quando si collega un inverter a una batteria, si consiglia di utilizzare un dispositivo di protezione da sovracorrente, come un fusibile o un interruttore automatico, tra i due dispositivi.

Anche i sezionatori di sicurezza AC e CC sono un requisito in tutti i sistemi. Negli impianti solari ad isola, è installato un sezionatore CC tra il banco batterie e l’inverter. Viene utilizzato per interrompere il flusso di corrente tra i due componenti ed è importante per la manutenzione, la risoluzione dei problemi e la protezione contro gli incendi elettrici.

Procedura passo-passo per collegare l’inverter al banco batterie

Passo 1

Collegare insieme i pannelli di un banco solare, se ce ne sono più di uno. Di solito sono cablati in parallelo per preservare la tensione di ogni pannello, ma è anche possibile collegarli insieme in serie per aumentare la tensione per conformarsi alla tensione della batteria, se necessario. La tensione di uscita dai pannelli dovrebbe essere la stessa della tensione del banco batterie.

Passo 2

Collegare i cavi in ​​uscita dai pannelli a un regolatore di carica. Calcola la dimensione del filo che ti serve per questo da una determinazione della corrente di uscita e la lunghezza del filo che ti serve, tenendo presente che il controller di carica dovrebbe essere posizionato vicino alle batterie. I cavi CC con calibri da 16 a 10 sono tipici per questo.

Passo 3

Utilizzare i cavi della batteria per collegare le batterie nel banco insieme in una combinazione di serie e parallelo per ottimizzare la capacità del banco e mantenere la stessa tensione dei pannelli. Collegare due batterie in serie collegando il polo positivo di una al polo negativo dell’altra per raddoppiare la tensione della combinazione. Collegarli in parallelo collegando i loro terminali positivi e negativi per mantenere la tensione, ma raddoppiare la capacità.

Passo 4

Collegare il controller di carica al banco batteria con i cavi della batteria. Un buon controller di carica calcola la media delle fluttuazioni di tensione dei pannelli e fornisce una tensione di carica costante alle batterie. Proteggerà anche le batterie dal sovraccarico e proteggerà i pannelli dal riflusso di corrente dalle batterie.

Passo 5

Collegare la batteria ai capicorda di ingresso dell’inverter, quindi collegare l’inverter alle apparecchiature che si vuole alimentare. L’inverter converte la corrente continua dalle batterie in corrente alternata da 230 volt per l’uso in casa. Se l’inverter è collegato alla rete elettrica (cosa che può fare solo un professionista autorizzato!), l’inverter può essere programmato per vendere l’energia in eccesso alla compagnia elettrica.

Come collegare batterie in parallelo con un inverter / UPS

Collega più batterie in parallelo con il tuo inverter di potenza, inverter solare ibrido o UPS per aumentarne il backup. Se possiedi un inverter a batteria singola, puoi collegare più batterie in parallelo poiché la tensione complessiva del pacco rimarrà la stessa mentre la capacità si moltiplica.

Assicurati che il tuo inverter di potenza possa permettersi di caricare più batterie collegate in parallelo alla volta. Se il caricabatterie è lento, evitare di collegare batterie più grandi. Controllare le specifiche dell’inverter o dell’UPS per scoprire se è possibile aumentare la corrente di carica, in quanto ciò consentirà di aumentare la carica della batteria e ridurre il tempo necessario per caricare completamente le batterie.

Come riferimento, abbiamo spiegato come collegare due, quattro, sei, otto o dieci batterie al piombo (VRLA, AGM, Gel, flooded) o al litio in parallelo a dispositivi di backup di alimentazione. È possibile collegare un numero qualsiasi di batterie in parallelo.

Vi sono però alcune cose importanti da tenere presenti:

  • Durante il collegamento delle batterie all’inverter o all’UPS, controllare le sue specifiche per sapere che tipo di batterie può accettare. Non mischiare diversi tipi di batterie nel pacco parallelo.
  • Ogni inverter di potenza o UPS può caricare una determinata capacità delle batterie. L’inverter potrebbe iniziare a dare errori se sono collegate batterie di capacità eccessiva. Anche diverse batterie piccole collegate in parallelo possono causare una capacità eccessiva e causare problemi.
  • Non collegare mai più batterie in serie-parallelo all’inverter che potrebbero causare sovratensione. Ad esempio, se l’inverter accetta una batteria da 12 V, non collegare il pacco batteria da 24 V ad esso.
  • Evitare di invertire la polarità della batteria. Ciò potrebbe danneggiare l’inverter o l’UPS se non è dotato di protezione contro l’inversione di polarità. Inoltre, durante il collegamento dei cavi alle batterie, assicurarsi che non si verifichi un cortocircuito. Le batterie ad alta capacità possono causare enormi scintille e accendere il fuoco. Quindi fai attenzione mentre colleghi queste batterie insieme.

Alcune domande frequenti sull’argomento

In che modo gli inverter ad isola si differenziano dagli inverter collegati alla rete?

Gli inverter off-grid si differenziano dagli inverter collegati alla rete in quanto non sono costruiti per comunicare con la rete pubblica e non includono le necessarie protezioni presenti negli inverter grid-tied, come la protezione anti-islanding. Questo è quando un inverter si spegne se rileva un problema con la rete, come un’interruzione di corrente.

Posso utilizzare un inverter sinusoidale modificato in applicazioni off-grid?

Sì! I sistemi collegati alla rete richiedono l’utilizzo di inverter a onda sinusoidale pura perché l’utility fornisce onde sinusoidali pure. Tuttavia, poiché si utilizza un sistema indipendente, si è liberi di utilizzare un inverter sinusoidale modificato. Tieni presente che alcuni apparecchi e dispositivi non funzioneranno con inverter a onda sinusoidale modificati, come le apparecchiature mediche. Inoltre, in molti casi, sentirai un ronzio con i dispositivi collegati a un inverter sinusoidale modificato.

Leave a Reply