Come convertire l’energia fotovoltaica in acqua calda

Sapevi che i pannelli solari fotovoltaici non solo ti daranno bollette elettriche più economiche, ma potrebbero anche alimentare un riscaldatore a immersione per fornirti acqua calda gratuita (o molto più economica)? I pannelli solari fotovoltaici produrranno spesso più energia di quella che puoi usare in un giorno e, senza una batteria solare, il tuo surplus verrà inviato alla rete nazionale. Un deviatore di energia solare ti consentirà di utilizzare questa energia in eccesso, utilizzarla per alimentare il tuo riscaldatore a immersione e ridurre ulteriormente le bollette energetiche.

Perché dovrei usare l’acqua come batteria di accumulo?

Quando il sole splende al suo massimo splendore, molte delle case italiane dotate di pannelli solari fotovoltaici (FV) sui tetti generano più elettricità di quanta ne consumano. Quando ciò accade, l’elettricità in eccesso viene esportata nella rete. Ai vecchi tempi, la maggior parte delle famiglie sarebbe stata abbastanza contenta di questo, dato che nel Victoria, ad esempio, si sarebbero guadagnati diversi centesimi per chilowattora esportati.

Ma queste tariffe sono state ora ridotte a un minimo di 6 centesimi o meno. Nel frattempo, le famiglie potrebbero pagare 30 centesimi per chilowattora (tasse e costi fissi compresi) o più per acquistare elettricità dalla rete quando i loro pannelli solari sono inattivi la sera. Qui presentiamo il deviatore di energia solare e come può massimizzare i tuoi risparmi solari alimentando il tuo riscaldatore a immersione.

L’acqua calda è una delle principali richieste energetiche domestiche

Non sorprende che molti proprietari di pannelli solari si chiedano come evitare di cedere l’elettricità a basso costo ai rivenditori. Massimizzare l’uso dell’elettricità in casa mentre il sole splende è una strategia, ma ci sono solo tante volte al giorno che devi far funzionare la lavastoviglie!

L’alternativa è cercare di immagazzinare energia per un uso successivo, acquistando un sistema di batterie domestiche o un’auto elettrica. Tuttavia, questi possono essere costosi e, in termini puramente economici, questa tattica potrebbe non coincidere ancora. Esiste, tuttavia, un’opzione economica per l’immagazzinamento dell’energia che molte famiglie potrebbero non aver preso in considerazione.

Una delle principali richieste di energia in qualsiasi casa (spesso intorno al 20%) è per l’acqua calda. La maggior parte delle case italiane ha scaldacqua a gas, elettrici resistivi o solari termici sul tetto. Ma sta guadagnando popolarità, data la sua economia ormai favorevole e il minore impatto ambientale, la pompa di calore per la produzione dell’acqua calda.

Le pompe di calore per acqua calda sanitaria

Le pompe di calore per l’acqua calda e per il riscaldamento degli ambienti funzionano come frigoriferi e condizionatori d’aria. Usano un ciclo di refrigerazione per pompare il calore “a monte”, da una zona più fredda a una più calda. Il vantaggio di cui godiamo con frigoriferi e condizionatori d’aria è il raffreddamento che si verifica quando il calore viene pompato da qualche parte che non vogliamo (ad esempio dal nostro salotto in una calda giornata estiva) a un altro (l’aria esterna).

Per le pompe di calore dell’acqua calda, è il contrario: vogliamo raccogliere e utilizzare il calore ambientale che è sempre presente nell’aria esterna alle nostre case, come fa un condizionatore a ciclo inverso quando è in modalità riscaldamento. Le migliori pompe di calore per acqua calda possono catturare fino a 3,5 volte più energia termica dall’aria esterna rispetto a quella utilizzata nell’energia elettrica, il che significa che il serbatoio di acqua calda risultante rappresenta un guadagno netto di energia rinnovabile gratuita.

Fare accumulo di acqua calda

Quindi, passiamo all’economia per il proprietario della casa. Se attualmente riscaldi la tua acqua utilizzando il gas e disponi già di pannelli solari che generano elettricità in eccesso che rivendi alla rete con pochi vantaggi, una pompa di calore per acqua calda potrebbe essere un investimento molto utile, soprattutto se il tuo attuale sistema di acqua calda lo è deve essere sostituito o ha una bassa classificazione energetica.

Avendo acquistato una pompa di calore per l’acqua calda, la tua migliore strategia sarebbe quella di attivarla a metà giornata quando il sole è più forte. Il sistema riscalderà l’acqua e la immagazzinerà in un serbatoio per un uso successivo, non diversamente da come l’elettricità viene immagazzinata in una batteria.

Ora, invece di vendere l’energia solare in eccesso alla rete per una miseria, stai usando quell’elettricità per riscaldare l’acqua in modo più economico di quanto puoi usando il gas o usando l’elettricità dopo il tramonto. Questo cambiamento potrebbe aumentare il valore dell’elettricità in eccesso di almeno cinque volte.

Il gas ora costa di più (per unità equivalente di energia) di quanto ti pagheranno i rivenditori di elettricità per l’energia solare in eccesso. Ancora più importante, se consideriamo che uno scaldabagno a gas potrebbe essere efficiente solo al 70% nel trasferire il calore del gas bruciato all’acqua, mentre una pompa di calore può essere efficacemente efficiente al 450% quando cattura il calore rinnovabile dall’aria esterna, questo punta facilmente la bilancia a favore della produzione elettrica dell’acqua calda.

Di quanta elettricità solare di riserva ho bisogno?

Una domanda importante è quanta energia solare in eccesso è necessaria per fornire acqua calda a una casa. Secondo un recente rapporto di esperti, la risposta è di circa 3,5 chilowattora al giorno, per una casa di dimensioni normali. In molte località italiane, un sistema solare fotovoltaico da 1 chilowatt sarebbe sufficiente per fornire questa quantità di elettricità e riscaldare l’acqua. Tuttavia, dato che il nuovo sistema solare medio sul tetto è ora di circa 4,5 chilowatt, potrebbe esserci molta capacità di generazione di elettricità solare in eccesso disponibile su molte case.

Ecco una conclusione: invece di pagare circa 400 euro all’anno per il gas per riscaldare l’acqua, qualcuno con un grande sistema solare sul tetto potrebbe invece utilizzare l’elettricità generata in casa in eccesso, che il suo rivenditore stima a soli 80 euro all’anno. Il risultato è che il proprietario della casa sta meglio di 320 euro all’anno. Questa analisi ignora il costo iniziale per sostituire uno scaldabagno a gas con una pompa di calore ad acqua calda. Ma prima che il tuo sistema di acqua calda sia agli sgoccioli, sarebbe opportuno riflettere su questa idea.

Leave a Reply