Come fare manutenzione a una batteria solare

I sistemi di backup della batteria solare consentono alla tua casa di accedere all’energia solare rinnovabile immagazzinata di notte o nei giorni a bassa potenza. Le batterie al piombo-acido a ciclo profondo sono spesso considerate “l’anello debole” nei sistemi di energia rinnovabile. Tuttavia, le batterie a energia rinnovabile di oggi sono migliori che mai, così come i dispositivi che le regolano e le proteggono. I guasti alle batterie sono raramente imputabili alle batterie stesse! Ecco alcuni consigli non solo su come manutenere questo sistema, ma anche su come garantire che duri per molti anni.

Programma il tuo sistema di batterie solari

Quando porti in funzione per la prima volta il tuo sistema di backup della batteria, dovrai programmare i set point di tensione e la tensione di carica che dovrebbe essere applicata durante il ciclo della batteria. È meglio chiedere al tuo installatore di impostarli per te, poiché è fondamentale per la durata del tuo sistema. Se le batterie si caricano in modo errato, scoprirai che si consumano molto più velocemente. Dovresti essere in grado di trovare queste informazioni nei manuali di installazione.

Manutenzione della batteria al piombo allagata

Questi sistemi richiedono un controllo ogni 2 o 4 settimane, che dovrebbe includere:

Acqua

Controlla il livello dell’acqua delle tue batterie piombo-acido allagate ogni 15-30 giorni poiché questa evapora durante il ciclo di carica. Ricarica utilizzando solo acqua distillata, poiché l’altra acqua contiene minerali e particelle che influiranno sulla chimica della batteria. Riempi solo fino alla linea di livello massimo.

Stato di carica (SoC)

Usando un rifrattometro e le istruzioni nel manuale del produttore, puoi controllare quanto sono realmente cariche le tue batterie. Se non mantengono la carica anche dopo un ciclo di carica completo, potrebbero essere vecchi, danneggiati o difettosi e richiedere la sostituzione. Tieni presente che la capacità della batteria diminuisce con l’età, quindi monitora la loro età e sostituiscila entro il tempo consigliato dal produttore.

Equalizzazione

Ciò garantisce che le celle vengano caricate allo stesso modo. Richiede anche un sovraccarico controllato ogni 30-90 giorni. Per prima cosa, controlla il livello dell’acqua e rabbocca se necessario. Spegnere tutti i carichi prima di impostare il caricabatterie sulla tensione di equalizzazione (lo trovi nel manuale della batteria). Avvia la carica ed esegui letture sul rifrattometro ogni ora. Quando il peso specifico smette di aumentare, questo processo è completo.

Manutenzione aggiuntiva

Verificare che i collegamenti del cavo della batteria siano ben saldi, pulire i collegamenti dei terminali con una pasta di acqua distillata e bicarbonato di sodio per prevenire la corrosione e rimuovere la polvere con un panno umido.

Prevenire la corrosione

Nelle installazioni di batterie allagate, la corrosione dei terminali e dei cavi è un brutto fastidio che causa resistenza e potenziali pericoli. Una volta che la corrosione ha preso piede, è difficile fermarsi. La buona notizia: è facile prevenire!

Applicare un sigillante non indurente su tutte le parti metalliche dei terminali prima del montaggio. Rivestire completamente i terminali della batteria, i capicorda e i dadi e i bulloni singolarmente. Un sigillante applicato dopo l’assemblaggio non raggiungerà tutto intorno a ogni giunzione. I vuoti rimarranno, gli schizzi di acido entreranno e la corrosione inizierà non appena l’installazione sarà terminata.

Vengono venduti composti speciali per proteggere i terminali, ma si possono ottenere ottimi risultati utilizzando la comune vaselina (vaselina). Non inibisce il contatto elettrico. Applica uno strato sottile con le dita e non sembrerà sciatto.

Se il cavo è esposto a un capocorda, deve essere sigillato ermeticamente, utilizzando un tubo termorestringente rivestito di adesivo o un nastro di giunzione in gomma immergibile. Puoi anche sigillare un’estremità del filo intrecciato riscaldandolo delicatamente e immergendolo nella vaselina per liquefarlo e aspirarlo nel filo.

Aiuta anche a mettere le batterie sopra uno scarico a pavimento o in uno spazio senza pavimento, in modo che possano essere facilmente risciacquate con acqua. Il lavaggio della parte superiore della batteria (circa due volte all’anno) rimuove l’umidità accumulata (schizzi acidi) e la polvere. Ciò ridurrà ulteriormente la corrosione e impedirà alle correnti vaganti di rubare energia. Le batterie che abbiamo protetto con queste misure mostrano pochissima corrosione, anche dopo 10 anni senza pulizia dei terminali.

Manutenzione della batteria sigillata al piombo

Queste batterie richiedono meno manutenzione in generale, ma dovresti controllare quanto segue:

Stato di carica (SoC)

Utilizzare un multimetro per controllare la tensione CC delle batterie e confrontare queste letture rispetto al grafico nel manuale della batteria. Eseguire questo test quando le batterie non sono cariche. Se non riescono a raggiungere il 100%, potrebbero essere vecchi o difettosi.

Manutenzione aggiuntiva

Controllare i cavi e i terminali per assicurarsi che siano ben serrati e rimuovere la polvere che si accumula sulla parte superiore delle batterie. Ricordarsi di indossare sempre guanti e protezione per gli occhi e utilizzare strumenti isolati.

Manutenzione della batteria agli ioni di litio

Si tratta di un’opzione di sistema di backup solare preferita per i proprietari di case in quanto richiedono la minima manutenzione. Dopo averli installati e configurati professionalmente, tutto ciò che devi fare è leggere occasionalmente il SoC per assicurarti che mantenga la carica correttamente.

Puoi farlo con uno strumento specifico consigliato dal tuo installatore (sono unici per ogni produttore in quanto comunicano con un sistema di gestione della batteria integrato).

Inoltre, accertarsi di esaminare i cavi e i terminali, serrare se necessario e spolverare accuratamente le batterie. Come sopra, indossare sempre guanti e protezione per gli occhi e utilizzare strumenti isolati.

Modera la temperatura

Le batterie perdono circa il 25% della loro capacità a una temperatura di -1 °C (rispetto a una linea di base di 25 °C). A temperature più elevate, si deteriorano più velocemente. Pertanto, è desiderabile proteggerli da temperature estreme. Se non è disponibile una struttura termicamente stabile, prendere in considerazione un armadio con protezione da terra.

Dove non è possibile evitare le basse temperature, procurarsi un banco batteria più grande per compensare la perdita di capacità durante l’inverno. Evita le fonti di calore radiante diretto che provocheranno il riscaldamento di alcune batterie rispetto ad altre.

Utilizzare sezionatori a bassa tensione

Scaricare una batteria fino all’esaurimento provoca una perdita immediata e irreversibile di capacità e aspettativa di vita. Il tuo sistema dovrebbe utilizzare la disconnessione a bassa tensione (LVD) nei circuiti di carico. La maggior parte degli inverter di alimentazione da CC a CA ha questa funzione, così come molti controller di carica e centri di alimentazione.

Non dipendere dal comportamento umano per prevenire una scarica eccessiva. Può essere causato facilmente da un incidente o da un utente irresponsabile. Anche in questo caso, la maggior parte degli inverter dispone di LVD integrato, ma se sono presenti carichi CC nel sistema, incorporare un dispositivo LVD.

Leave a Reply