Come installare i pannelli fotovoltaici bifacciali

I pannelli solari bifacciali sono pannelli a doppia faccia che utilizzano entrambi i lati superiore e inferiore per catturare e trasformare l’energia solare. Sono in circolazione da quando sono stati utilizzati per la prima volta nel programma spaziale sovietico negli anni ’70, ma erano troppo costosi da produrre per progetti su larga scala. La buona notizia è che è molto più economico produrli ora, il che significa che le persone comuni come te possono già accedervi e utilizzarlo a casa propria o in azienda.

Installazione dei pannelli solari bifacciali

I pannelli bifacciali con cornice sono più facili da installare ed è possibile utilizzare i tradizionali sistemi di rack e montaggio. La maggior parte dei produttori include i propri morsetti per il montaggio dei pannelli solari bifacciali. Per quanto riguarda i modelli di pannelli solari senza cornice, i morsetti sono spesso dotati di protezioni in gomma che proteggono il vetro.

Poiché sono progettati per raccogliere la luce solare da entrambi i lati, i moduli bifacciali sono generalmente sollevati dalla superficie. Ciò significa che ci sono meno possibilità che si surriscaldino.

Inoltre, devi sapere che la struttura portante può influenzare le prestazioni dei tuoi pannelli bifacciali. I supporti con binari di supporto coperti dalla piastra posteriore di un modulo a faccia singola ombreggiano le celle bifacciali sul lato inferiore. Questo è il motivo per cui dovresti scegliere sistemi di montaggio e rack progettati appositamente per l’installazione bifacciale.

Più un pannello solare bifacciale è inclinato, più energia fornisce. Ecco perché dovresti sempre usarlo su un tetto piatto o su array montati a terra che offrono molto spazio per l’inclinazione e per far rimbalzare la luce riflessa verso l’estremità posteriore del modulo. Quando sono montati a filo del tetto, impediscono alla luce solare riflessa di raggiungere la parte posteriore delle celle solari.

Per garantire prestazioni migliori, installare i moduli bifacciali su tetti commerciali piani e a terra. Ciò fornisce più spazio per l’inclinazione e consente alla luce solare di rimbalzare sul retro dei moduli bifacciali. Il sistema di montaggio può influire sulle prestazioni dei moduli bifacciali. Normalmente, gli installatori coprono i sistemi di scaffalature con binari di supporto utilizzando un foglio posteriore.

Questo aiuta a ombreggiare le ultime file delle celle solari bifacciali. Ma se si utilizzano sistemi di rack e montaggio appositamente formattati per moduli bifacciali, si elimina la necessità di ombreggiatura sul retro. I moduli bifacciali senza cornice richiedono morsetti con protezioni in gomma. Questo protegge il vetro. Durante l’installazione, non serrare eccessivamente i bulloni poiché ciò danneggerebbe il vetro.

Ecco le diverse modalità di montaggio dei moduli bifacciali.

Su tetto

I migliori tetti per il montaggio di pannelli solari bifacciali sono altamente riflettenti e piatti. Il bianco o l’argento sono tra le migliori superfici in quanto hanno la più alta luce albedo. Si sconsiglia l’installazione di pannelli solari bifacciali sul tetto in piano.

Ciò vanifica lo scopo di generare elettricità utilizzando entrambi i lati del modulo bifacciale.

I pannelli bifacciali montati sul tetto devono essere inclinati di un angolo corrispondente alla latitudine. Poiché i pannelli bifacciali sono molto più pesanti, assicurati che il tetto possa reggere il loro peso.

A terra

I pannelli solari bifacciali a terra sfruttano la riflettanza del suolo. Questo è vero se installato a terra con albedo alto. Ad esempio, se installato su piastrelle bianche, ghiaia dai colori vivaci o sabbia bianca, massimizza la riflettanza.

Le scelte sbagliate per gli array bifacciali a terra sono scure. Tale superficie assorbe più luce di quanta ne rifletta. Ad esempio, erba, sabbia di colore scuro e rocce. Riducono al minimo la luce dell’albedo e abbassano l’efficienza del pannello solare bifacciale.

Se vivi in ​​aree innevate, gli array a terra sono i migliori. Questo perché la neve ha un’elevata riflettanza, a differenza dell’erba. Quando la neve copre il terreno, i pannelli bifacciali cattureranno comunque la luce solare e genereranno elettricità. Questo è essenziale poiché l’inverno ha meno ore di luce solare.

Per ridurre al minimo qualsiasi potenziale di ombre e ombreggiature, vengono solitamente forniti speciali morsetti di montaggio realizzati per il modello. Questi morsetti e staffe sono più sottili e aiutano a ridurre al minimo la proiezione delle ombre.

Per ottenere la massima potenza, è necessario garantire il corretto orientamento dell’inclinazione. Questo differisce in base alla latitudine.

Configurazioni orizzontali e verticali

Le configurazioni orizzontali sono ideali per l’installazione di pannelli solari bifacciali sul lato di un edificio. Forniscono ombra parziale e aggiungono estetica. Durante il giorno, le configurazioni orizzontali catturano la luce solare e raccolgono ancora la luce riflessa dal suolo.

Sono ideali su una piscina, una veranda o una terrazza. Possono infatti fungere da tettoia trasparente su un camminamento aperto o su un pergolato.

Le configurazioni verticali sono generalmente installate da est a ovest. Ciò consente ai pannelli solari bifacciali di catturare la luce solare nelle prime ore del mattino e nel tardo pomeriggio.

A mezzogiorno, questi pannelli catturano la luce riflessa dal suolo e dall’ambiente circostante. Questa configurazione non può ricevere la luce solare diretta, specialmente quando il sole è sopra la testa.

I pannelli solari bifacciali funzionano meglio se installati in alto dal suolo. Questo perché la configurazione a terra riduce al minimo l’ombra. Inoltre, il pannello cattura direttamente più luce solare e albedo dal suolo.

Con inseguitori solari

Combinando i dati dei pannelli a doppia faccia e la tecnologia di inseguimento solare, Carlos Rodríguez-Gallegos e il suo team di SERIS hanno scoperto che la produzione di energia potrebbe essere aumentata del 35%. Oltre ai guadagni nell’energia prodotta, potrebbe anche diminuire il costo dell’elettricità in media del 16 per cento.

I pannelli a doppia faccia, che assorbono anche l’energia solare riflessa dal suolo sul lato posteriore, hanno rendimenti più elevati. Sono attualmente in uso, così come i sistemi di inseguimento che inclinano i pannelli solari per affrontare direttamente il sole. Ma la combinazione dei due non è stata considerata prima. E la semplice idea potrebbe dare grandi ritorni.

Esistono due tipi di tecnologie di inseguimento del sole. I tracker a un asse inclinano i pannelli durante il giorno da est a ovest, mentre i tracker a due assi spostano anche i pannelli nel corso dell’anno quando cambia l’elevazione del sole nel cielo.

Nella loro analisi Carlos Rodríguez-Gallegos dell’Università Nazionale di Singapore ei suoi colleghi hanno modellato l’energia solare prodotta in tutto il mondo da diverse combinazioni di pannelli solari in grandi fattorie fotovoltaiche che utilizzano migliaia di moduli.

I ricercatori hanno utilizzato i dati delle nuvole della NASA e il modello del sistema energetico radiante della Terra, che misura la radiazione totale che raggiunge il suolo ogni giorno. Combinando questo con la quantità di radiazione solare che un pannello può ricevere in base al suo orientamento, hanno calcolato il costo medio di generazione di elettricità attraverso un sistema di energia solare durante la sua vita.

I loro calcoli mostrano che i pannelli solari a doppia faccia con tecnologia di tracciamento ad asse singolo sono i più convenienti praticamente in qualsiasi parte del pianeta. Dotati di inseguitori a doppio asse, avrebbero generato un po’ più di elettricità, ma quella combinazione è costosa.

Leave a Reply