Come scegliere un sistema di accumulo a batterie

L’enorme balzo in avanti nella tecnologia di accumulo delle batterie ha visto un aumento di interesse da parte delle persone che cercano di uscire dalla rete, immagazzinare la propria energia solare (auto-uso) o diventare indipendenti dall’energia. Tuttavia, il rapido ritmo dello sviluppo tecnologico ha portato a una certa confusione su ciò che è realizzabile e quale sistema è più adatto alle esigenze di un individuo. Sebbene gli installatori solari addestrati offrano ottimi consigli, gran parte del pubblico e dei media hanno poca comprensione delle varie capacità e limitazioni del sistema di accumulo solare/batteria.

Quale sistema di accumulo con batterie è il migliore?

Potrebbero sembrare domande semplici, ma non è facile rispondere perché non esiste una soluzione valida per tutti. Ogni fabbisogno energetico domestico è diverso ed è disponibile un’ampia varietà di sistemi ibridi e batterie.

Probabilmente, il sistema di batterie più noto è il Tesla Powerwall 2, sebbene questo sistema di batterie da 13 kWh, grande e relativamente costoso, sia spesso troppo costoso per la maggior parte delle famiglie medie.

Fortunatamente, ci sono molte opzioni più piccole e convenienti e abbiamo trovato un modo molto efficace per determinare quale batteria è più adatta è descrivere diversi scenari che si applicherebbero alla moderna casa italiana “efficiente”.

Cosa valutare prima di acquistare un sistema di accumulo a batteria

Se stai pensando di acquistare un sistema di accumulo a batteria per alimentare l’intera struttura, o andare fuori rete, dovrai considerare:

  • Quanta energia utilizzabile ha bisogno il tuo sistema di batterie per fornire il tuo consumo massimo giornaliero di elettricità (kWh) e la tua “domanda di picco” (kW). Può essere utile rivedere le bollette dell’elettricità degli ultimi 12-24 mesi;
  • Eventuali dispositivi nuovi o sostitutivi che potrebbero aumentare la domanda di picco giornaliera futura e l’utilizzo totale;
  • La fonte di generazione che utilizzerai per caricare il tuo sistema di accumulo della batteria e alimentare i tuoi locali. Poiché le tecnologie di generazione come il solare e l’eolico sono di natura irregolare, è necessario assicurarsi di disporre di energia utilizzabile sufficiente per coprire un periodo prolungato in cui non si è in grado di generare energia.
  • Requisiti urbanistici che potrebbero influire sulla tua capacità di andare fuori rete. Questi includono la dimensione massima consentita di un sistema di accumulo della batteria, l’impatto sull’attrattiva della strada e i vincoli di rumore se viene utilizzato un generatore di riserva
  • Acquisto di un generatore di riserva diesel o benzina, idealmente alloggiato lontano dai locali, per soddisfare la domanda nei periodi nuvolosi o senza vento. Controllare le normative locali relative ai generatori.
  • Costi continui di manutenzione e sostituzione dei componenti.

Gli apparecchi che utilizzano più energia all’avvio, come motori, pompe, condizionatori d’aria e alcuni frigoriferi, possono avere requisiti di avvio elevati. Sebbene duri solo pochi secondi, il fabbisogno energetico di avviamento di alcuni apparecchi può essere molte volte superiore alla loro potenza nominale in kilowatt (kW). L’inverter del sistema dovrà essere in grado di fornire questa elevata energia di avviamento, altrimenti l’apparecchio non si avvierà correttamente.

Fornire un backup durante un’interruzione di corrente

Lo stile di vita di oggi si basa sull’avere elettricità 24 ore su 24; sia a casa che al lavoro. Vogliamo poter accendere i nostri elettrodomestici quando lo desideriamo. Le interruzioni di corrente sono scomode, quindi avere un’alimentazione elettrica di riserva potrebbe essere un’opzione per tenerti lontano dall’oscurità.

Se stai considerando un sistema di accumulo della batteria per l’alimentazione di backup, dovrai pensare a:

  • Gli apparecchi elettrici di cui avrai bisogno durante un’interruzione e la capacità della batteria necessaria per farli funzionare. Anche se sono necessari solo gli elettrodomestici essenziali (es. frigorifero, congelatore, una luce per stanza e la TV), un piccolo sistema di accumulo della batteria potrebbe non essere in grado di alimentarli tutti per molto tempo in modalità di backup
  • Per quanto tempo vorresti avere a disposizione questi elettrodomestici: 6, 12, 24 o 48 ore? Una volta che conosci il numero di ore e l’elettricità totale che questi apparecchi possono utilizzare, anche se fossero tutti accesi contemporaneamente (picco di domanda), l’installatore della batteria può calcolare quale energia utilizzabile e la dimensione dell’inverter di cui hai bisogno
  • A quali circuiti può connettersi il tuo sistema di accumulo della batteria. Potrebbe essere necessario un quadro elettrico diviso con circuiti “essenziali” e “non essenziali”. Ciò garantisce il miglior risultato per il tuo sistema in modalità di backup

Nota che non tutti i sistemi di accumulo a batteria offrono un’alimentazione di riserva per la tua casa.

Ho bisogno di un sistema di accumulo della batteria?

La semplice risposta è no, non hai bisogno di batterie per sfruttare appieno il solare. Per molte persone, il costo di un sistema a batteria è semplicemente troppo alto, ma questo non significa che non puoi ottenere il massimo dall’installazione del solare a casa tua.

Generalmente l’installazione del solo solare può ridurre i costi dell’elettricità dal 50 al 70%. Per coloro che sono a casa durante il giorno o lavorano a casa, è generalmente molto più conveniente installare un comune sistema solare fotovoltaico connesso alla rete e utilizzare direttamente l’energia solare.

Ad esempio, è possibile far funzionare gratuitamente elettrodomestici ad alta intensità energetica della propria casa – come lavastoviglie, condizionatori e lavatrici (non tutti contemporaneamente) – utilizzando l’energia solare durante il giorno.

Inoltre, ora ci sono molti elettrodomestici “intelligenti” che possono essere accesi o attivati ​​da remoto utilizzando i timer per funzionare quando c’è energia solare in eccesso, piuttosto che inviarla alla rete con un ritorno molto basso.

Inoltre, puoi facilmente aggiungere una batteria in un secondo momento utilizzando un sistema di batterie CA disponibile come Sonnen ECO o Tesla Powerwall 2. Molti inverter solari moderni sono anche inverter ibridi “predisposti per la batteria”, il che semplifica l’aggiunta della batteria in futuro.

Usare l’acqua calda come batteria

I sistemi di acqua calda elettrica sono estremamente energivori e spesso rappresentano circa un terzo dei costi energetici annuali (a meno che non si disponga di acqua calda a gas).

I sistemi di acqua calda con elementi elettrici sono generalmente impostati per riscaldare l’acqua utilizzando elettricità non di punta più economica, ma un sistema solare collegato alla rete insieme a un dispositivo intelligente chiamato deviatore solare per deviare l’energia solare in eccesso verso il tuo sistema di acqua calda può massimizzare il consumo solare, risparmiando denaro.

In questo modo stai effettivamente utilizzando l’acqua calda come una batteria, con l’energia immagazzinata come calore. Sono disponibili diversi deviatori solari noti come quelli di Catch power, ImmerSun e AWS SunMate.

Leave a Reply