Cosa accade ai pannelli fotovoltaici dopo 20 anni?

I pannelli solari fotovoltaici che generano quell’energia non durano per sempre. La durata della vita standard del settore è di circa 25-30 anni e ciò significa che alcuni pannelli installati all’inizio dell’attuale boom non tardano a essere ritirati. E ogni anno che passa, più pannelli solari saranno ritirati dal servizio: moduli fotovoltaici in vetro e metallo che presto inizieranno ad arrivare a milioni, e poi a decine di milioni di tonnellate di materiale. È giusto dire che sta iniziando a essere più ampiamente riconosciuto come un problema su cui dovremo iniziare a lavorare molto presto. Ma cosa accade a livello di resa del pannello?

La degradazione nel tempo dei pannelli fotovoltaici

Uno studio del 2012 del National Renewable Energy Laboratory (NREL) ha rilevato che, in media, la produzione di pannelli solari fotovoltaici diminuisce dello 0,8% ogni anno. Questo tasso di declino è chiamato tasso di degradazione del pannello solare. Sebbene questa metrica del tasso di declino vari a seconda del marchio di pannelli acquistato, i produttori premium come SunPower offrono tassi di degradazione fino allo 0,3%.

I tassi di degradazione dei pannelli solari sono in costante miglioramento con il miglioramento della tecnologia dei pannelli solari nel corso degli anni e tassi di degradazione inferiori all’1% sono comuni in tutto il settore. Negli anni trascorsi da quando è stato condotto questo studio del 2012, sono state sviluppate tecnologie più efficienti e molti pannelli più recenti hanno registrato un calo annuo di appena lo 0,5% della produzione di energia (o addirittura inferiore!).

Cosa significa esattamente il tasso di degradazione del pannello? Per l’esempio precedente, un tasso di degradazione dello 0,8% significa che nel secondo anno i pannelli funzioneranno al 99,2% della loro produzione originale; entro la fine della loro “durata di vita utile” di 25 anni, funzioneranno ancora all’82,5%. Un pannello leggermente più durevole con un tasso di degrado dello 0,5% produrrà probabilmente circa l’87,5% di elettricità rispetto al primo anno di installazione.

Per determinare la produzione prevista dei tuoi pannelli solari dopo un certo numero di anni, puoi semplicemente moltiplicare il tasso di degrado per il numero di anni a cui sei interessato e sottrarre quel numero dal 100%. La garanzia sulle prestazioni del tuo pannello solare, che in genere dura 25 anni, può darti un’idea migliore di quanta elettricità aspettarti dal tuo sistema di pannelli solari nel tempo.

I pannelli solari, infatti, sono dotati di alcune garanzie diverse che possono darti un’idea di quanto tempo puoi aspettarti che sia la durata del tuo pannello solare. I produttori offriranno sia una garanzia sulle apparecchiature, per certificare contro i difetti di fabbricazione, sia una garanzia sulle prestazioni, per garantire che i pannelli produrranno una certa quantità di elettricità.

Non devi nemmeno preoccuparti dell’impronta di carbonio dei tuoi pannelli solari. La durata da 25 a 30 anni di un pannello solare è significativamente più lunga del suo “tempo di recupero dell’energia”, o EPBT. L’EPBT è la quantità di tempo necessaria a un pannello solare per produrre elettricità pulita sufficiente per “ripagare” l’energia che è stata utilizzata per produrlo in primo luogo.

Come allungare la vita dei tuoi pannelli fotovoltaici

Fai controllare regolarmente i tuoi pannelli dal tuo installatore

Il modo migliore per garantire che i pannelli solari durino a lungo è chiedere all’installatore o al fornitore di operazioni e manutenzione (O&M) di esaminare regolarmente il sistema di energia solare. Un esame periodico può rivelare potenziali problemi come scaffalature allentate, cavi esposti e altre aree di preoccupazione. È importante fare un controllo professionale sui pannelli invece di farlo da soli perché puoi annullare la garanzia del pannello se finisci per graffiare o danneggiare in altro modo i pannelli sul tetto.

Un’ispezione dei tuoi pannelli solari può includere anche un’ispezione delle altre apparecchiature coinvolte in un’installazione solare, vale a dire i tuoi inverter solari e il sistema di portapacchi. Un tipico inverter centrale per un impianto fotovoltaico durerà tra i 10 ei 15 anni e quindi dovrà essere sostituito ad un certo punto durante la vita dei pannelli solari.

Tuttavia, i micro inverter sono un’alternativa nuova e popolare agli inverter centrali e generalmente offrono la stessa durata di vita dei loro omologhi dei pannelli solari: 25 anni. Quando si tratta di rack, è sempre essenziale assicurarsi che i pannelli siano montati saldamente sul tetto in modo che non si allentino e non si muovano o cadano completamente.

Tieni i pannelli liberi da detriti e altri materiali dannosi

Quando installi per la prima volta i tuoi pannelli solari, il tuo installatore si assicurerà che non ci siano alberi di grandi dimensioni che potrebbero proiettare un’ombra o far cadere rami sui tuoi pannelli. Finché è possibile evitare danni fisici ai pannelli solari, essi continueranno a produrre energia per molti anni, forse ben oltre i 25-30 anni di “durata” dei pannelli solari tipici.

Puoi persino acquistare prodotti speciali per prevenire tipi specifici di danni fisici ai tuoi pannelli. Ad esempio, le protezioni delle creature del pannello solare possono impedire ad animali come scoiattoli e uccelli di nidificare sotto i pannelli, il che può causare danni ai pannelli ed ai cavi nel tempo.

Il riciclaggio dei pannelli fotovoltaici

La soluzione che molti stanno cercando oggi per affrontare il problema dei moduli fotovoltaici dismessi al termine della loro vita operativa è il riciclaggio. Ma la capacità di gestire il flusso in arrivo di moduli FV non è ancora sufficiente. Parte del problema è che i pannelli solari sono complicati da riciclare. Sono realizzati con molti materiali, alcuni pericolosi, e assemblati con adesivi e sigillanti che rendono difficile romperli per recuperare i metalli ed i materiali semiconduttori impiegati.

Nei centri di recupero specializzati, i pannelli vengono lacerati meccanicamente e scomposti con acidi per separare il silicio cristallino, il materiale semiconduttore utilizzato dalla maggior parte dei produttori di fotovoltaico. I sistemi termici vengono utilizzati per bruciare gli adesivi che li legano alle loro armature e i sistemi idro-metallurgici acidi vengono utilizzati per separare i metalli preziosi.

Si tratta, in generale, di un’area di crescita che esploderà nei prossimi anni. Quasi il 75% del materiale che viene separato da un pannello fotovoltaico dismesso è il vetro, che è facile da riciclare in nuovi prodotti ma ha anche un valore di rivendita molto basso. Non solo, ma ciò che è disponibile per il riciclaggio è una specie di bersaglio in movimento.

Con il miglioramento della tecnologia dei pannelli solari, i produttori stanno lentamente trovando il modo di utilizzare componenti che avrebbero valore per i riciclatori, come rame e argento. Quindi il valore delle materie prime di fondo di queste cose continua a scendere. Minore è il valore che un riciclatore può ricavare, minore è l’incentivo a riciclare.

Leave a Reply