Le lampade solari da giardino si ricaricano nei giorni nuvolosi?

Ho pensato di installare luci solari per illuminare la mia casa e il mio giardino di notte. L’idea di ottenere luci notturne alimentate da energia solare gratuita mi affascina davvero; dopotutto, gratis è un ottimo prezzo! Ma il problema è che vivo in un posto con inverni lunghi e freddi. Quindi, prima di investire, devo essere sicuro che le mie luci solari funzioneranno in inverno; altrimenti, non saranno di alcuna utilità. Per tutti voi che vi siete mai chiesti “le luci solari funzionano in inverno?” ecco una risposta completa.

Come le luci solari producono elettricità dall’energia solare

Per iniziare, diamo una rapida occhiata al processo che converte l’energia solare in elettricità che utilizziamo per alimentare le nostre luci. Le luci solari contengono una cella solare fotovoltaica. Questa cella contiene un materiale semiconduttore, spesso silicio, che produce una reazione chimica quando viene a contatto con la luce solare. Questa reazione chimica rilascia particelle portatrici di carica chiamate elettroni che fluiscono attraverso un circuito come corrente elettrica.

Successivamente, trasferiamo questo flusso elettrico in una batteria, dove viene immagazzinato come energia potenziale chimica. Poi di notte, un altro sensore di luce chiamato fotocellula consente alla corrente di fluire attraverso un circuito contenente una luce a LED, e la nostra luce brucia per tutta la notte fino a quando la luce del giorno non rileva di nuovo la fotocellula e la luce si spegne.

Le luci solari possono immagazzinare energia solare nei giorni nuvolosi?

È un’idea sbagliata comune che le celle solari possano raccogliere l’energia del sole solo attraverso la luce solare diretta. In realtà, non è così, e anche nei giorni nuvolosi, piovosi e persino nevosi, la cella solare nella luce del tuo giardino continua a convertire l’energia solare in elettricità e la immagazzina nella batteria.

Le celle solari generano energia dalla luce solare diretta e anche dall’irradiazione diffusa (luce solare.) La luce solare diffusa di colore blu carica la cella solare durante le ore diurne anche quando non c’è luce solare diretta. In condizioni nuvolose, dunque, una cella solare produce ancora energia dal sole.

In una giornata estiva nuvolosa anche se non c’è quasi nessuna luce solare diretta, la luce solare diffusa genera comunque molta energia. Questo è anche il caso in inverno, quindi pure nelle giornate invernali nuvolose, l’energia solare continua ad alimentare la cella solare.

La domanda non è se le tue celle solari generano energia in inverno? Possono farlo e lo fanno. La domanda giusta è: possono generare abbastanza energia per alimentare le luci solari nelle lunghe notti invernali?

Quanto tempo ci vuole per caricare completamente una luce solare?

Le specifiche delle luci solari differiscono, ma in genere una luce solare richiede da sei a otto ore di luce solare diretta per caricare completamente la batteria. La luce solare funzionerà per circa 4-6 notti con una batteria completamente carica.

Misuriamo o stimiamo, pertanto, la luce solare ricevuta da luoghi diversi del Paese durante le ore di punta. Le ore di picco di luce solare giornaliere variano da meno di quattro nel nord a circa sei nelle regioni più calde del sud. È importante notare che questi numeri di ore solari di punta sono una media giornaliera annuale. Quindi, ad esempio in Pianura Padana si potrebbe avere una media invernale di due o tre ore di picco solare e poi cinque o sei ore in estate.

Perciò ci possono essere momenti, specialmente nelle regioni settentrionali nuvolose e nebbiose, in cui sarà difficile ottenere abbastanza luce solare per caricare le nostre luci solari. Ma non preoccuparti, puoi fare molto per aiutare le tue luci a ottenere l’energia solare di cui hanno bisogno per funzionare.

È ironico, ma le celle solari non funzionano altrettanto bene quando diventano troppo calde. I pannelli solari commerciali vengono testati a temperature di 25 °C e le loro prestazioni si deteriorano a temperature superiori a questa. Tutte le apparecchiature elettroniche preferiscono temperature fresche e fredde, e questo è il caso delle luci solari. Quindi non preoccuparti che le temperature fredde compromettano le loro prestazioni perché questo non è un problema.

Come ottenere le migliori prestazioni dalle luci solari in inverno

Ecco alcuni passaggi pratici e diretti che dovresti compiere per assicurarti di ottenere le migliori prestazioni dalle tue luci solari durante i mesi invernali.

Acquista luci progettate per le condizioni invernali

Alcune luci solari sono progettate appositamente per funzionare in luoghi che non ricevono molta luce solare in inverno. Queste luci contengono funzioni speciali come una modalità di risparmio energetico che riduce automaticamente i tempi di luminosità quando la batteria non riceve molta carica, quindi durano più a lungo.

Sebbene le luci più deboli siano una soluzione perfetta, è di gran lunga preferibile che tutte le luci si spengano e ti lascino al buio. Quindi acquistare in giro per la marca e il modello di luce giusti per le tue condizioni è un must.

Posizione, posizione, posizione

Quando installi le luci solari, stai cercando luoghi che ricevano molta luce solare diretta. Idealmente, dovresti posizionarli da qualche parte dove ottengono una vista ininterrotta del sole mentre attraversa il cielo dall’alba al tramonto. In pratica, questo è raramente possibile, ma è un buon principio guida.

Ma, ogni volta che installi le luci solari, devi ricordare che il sole si trova in un posto diverso in diversi periodi dell’anno. Qui nell’emisfero settentrionale, la somma traccia tipicamente attraverso il cielo meridionale, quindi stiamo cercando una posizione che offra la massima esposizione rivolta a sud.

Ma in inverno il sole è più a sud e più basso nel cielo. Ha bisogno di passare attraverso più atmosfera per raggiungere le nostre luci e, soprattutto, getta ombre lunghe. Quando guardi quanta luce solare ricevono le tue luci solari, assicurati di controllarle in diverse stagioni e in particolare in inverno, per assicurarti che gli edifici circostanti, la vegetazione e simili non oscurino le luci dal sole.

Pannelli solari inclinabili

A seconda del tipo di luce solare acquistata, potrebbe essere possibile inclinare l’angolo della cella solare per generare la massima potenza. Se ciò è possibile, inclinare il pannello verso sud in modo che sia il più perpendicolare possibile al sole. Ma inclinare il pannello ha un altro vantaggio perché neve, sporco e altri oggetti scivoleranno via dalla cella solare, assicurando che nulla ostacoli la sua visione del sole.

Carica le luci solari utilizzando altre fonti di energia

Ok, sappiamo che le luci solari sono caricate dal sole; dopotutto, è nel nome. Ma lo sapevi che puoi caricare anche le luci solari utilizzando altre fonti di energia?

Puoi utilizzare le normali lampadine o le luci a LED della tua casa per caricare le luci solari esterne. Questa è un’opzione eccellente per le luci esterne portatili o facilmente spostabili poiché puoi portarle in casa durante i giorni più bui e lasciarle sotto una lampadina diretta, e si caricheranno.

Le luci solari non si caricano con la stessa efficacia con l’illuminazione artificiale come fanno con la luce solare diretta. Tuttavia, è meglio di niente, e questa è una buona cosa da provare se la luce naturale non dà alle luci solari abbastanza energia per funzionare in modo efficace.

Mantieni le tue luci solari chiare e pulite

La luce solare pulita è una luce solare sana. Controlla e pulisci le tue luci solari, prestando particolare attenzione alla copertura trasparente che protegge la cella solare e la fotocellula. Se necessario, pulire la superficie con una spugna morbida e un detergente delicato. Se il rivestimento della cella è diventato opaco, prendere in considerazione la possibilità di sostituirlo poiché ciò compromette le prestazioni.

Leave a Reply