Pannelli fotovoltaici flessibili: guida alla scelta

La tecnologia dei pannelli solari fotovoltaici sta avanzando rapidamente ogni anno e nuovi sviluppi come i pannelli fotovoltaici flessibili vengono costantemente rilasciati e migliorati. Continua a leggere per scoprire cos’è un “pannello solare flessibile” e come si confronta con le tipiche celle fotovoltaiche, ma soprattutto come orientarsi sul mercato nella scelta dei migliori modelli di pannelli flessibili.

A differenza dei pannelli solari convenzionali (piatti), la tecnologia dei pannelli fotovoltaici flessibili consente di generare energia solare da pannelli sottili, leggeri e pieghevoli che puoi portare con te in viaggio. In effetti, la loro portabilità è il loro principale punto di forza. Aiuta anche che siano leggeri, ed oggi un pannello solare flessibile da 100 watt è disponibile sul mercato per un minimo di 100 euro. Ne puoi trovare ottimo modelli ad es. qui.

Per questo motivo, tali pannelli sono una power bank particolarmente utile che torna utile quando sei in viaggio. Possono quindi essere comodamente utilizzati in camper, attrezzature nautiche, attrezzature marittime (inclusi grandi yacht), viaggi in campeggio, durante i viaggi a lunga distanza e anche per l’uso quotidiano come fonte primaria di energia quando si vive lontano dalla rete elettrica.

I vari tipi di pannelli solari flessibili

Ma quali sono i vari tipi di pannelli fotovoltaici flessibili presenti sul mercato? Qui, il “tipo” si riferisce al materiale sorgente sottostante utilizzato nei pannelli. Di conseguenza, ci sono 3 tipi principali di pannelli fotovoltaici flessibili nell’uso corrente:

  • Pannelli solari flessibili cristallini (silicio)
  • Pannelli solari flessibili a film sottile
  • Pannelli flessibili realizzati con cellule / materiali organici

Vediamoli quindi più in dettaglio per poter operare una scelta oculata.

Pannelli solari flessibili cristallini

Questi sono i più comunemente usati nel mercato e sono realizzati con lo stesso materiale a base di silicio utilizzato per creare pannelli convenzionali. Un “pannello” solare è composto da molte celle solari flessibili fotovoltaiche cristalline. Se il materiale sottostante è il silicio, che per inciso si trova in abbondanza nella sabbia della spiaggia, com’è possibile che i pannelli convenzionali siano piatti e voluminosi mentre i pannelli solari flessibili sono sottili e leggeri?

Ciò perché sono impilati in modo diverso in base allo spessore. Ad esempio, per i pannelli solari leggeri, i wafer di silicio vengono tagliati a pochi micrometri (μm) di spessore, dando loro l’illusione di essere flessibili in quanto possono piegarsi fino a 30 gradi. Un comune pannello solare monocristallino o policristallino standard è costituito da wafer di silicio. In genere tali pannelli hanno uno spessore fino a 200 micrometri, che è leggermente più spesso di un capello umano.

In effetti, questa flessibilità di 30 gradi è più che adeguata per essere facilmente montata su superfici curve, comprese le barche. Successivamente, i pannelli in silicio flessibile a strato sottile vengono inseriti tra uno strato protettivo, tipicamente in plastica, per estendere la durata e la portabilità. Come puoi immaginare, questi pannelli solari leggeri possono generare una quantità limitata di energia solare, e quindi sono disponibili in versioni da 50 watt, 100 watt, 200 watt e 300 watt.

Tuttavia, hanno una ragionevole efficienza (15%-25%) nel convertire la luce in energia e possono quindi essere molto utili come banche di energia per alimentare il tuo camper durante un viaggio in campeggio, una barca / yacht /peschereccio o anche la maggior parte dei dispositivi elettronici per un giorno in cui ti ritrovi inaspettatamente lontano dalla rete.

Pannelli flessibili realizzati con celle / materiali organici

I pannelli solari flessibili realizzati con celle di silicio ultrasottili sono in circolazione da un po’ di tempo. Più recentemente, la ricerca presso il Massachusetts Institute of Technology ha lasciato il posto ai progressi nelle celle solari organiche. Invece di utilizzare il silicio come base per le celle solari, i ricercatori hanno trovato un modo per utilizzare materiali organici con elettrodi di grafene.

Fino ad ora, un fattore limitante sulla flessibilità del pannello è stata la fragilità degli elettrodi tipici, ma a causa della natura trasparente e flessibile del grafene, questo metodo potrebbe portare a pannelli solari più sottili, più flessibili e più stabili in futuro di quanto possiamo attualmente produrre. Pertanto, siamo vicini a una vera e propria rivoluzione in questo settore.

Pannelli fotovoltaici flessibili a film sottile

Questa è una tecnologia che esiste da oltre 30 anni, in cui un materiale fotovoltaico viene stampato o incollato su una superficie sottile (inclusi stoffa, carta spessa, fogli di alluminio, etc.). Senza la protezione del silicio, questi sono considerati molto meno durevoli delle loro controparti cristalline. Tuttavia, questa è ancora una tecnologia in crescita, quindi molto può accadere in futuro.

Il vantaggio principale dell’utilizzo di pannelli fotovoltaici sottili e portatili è la loro eccellente flessibilità. Possono essere arrotolati per riporli e quindi ideali per i viaggi in campeggio, dove potresti non preoccuparti se durano per gli anni successivi. Questo li rende anche immensamente leggeri, con alcuni prodotti che pesano solo 1 kg.

Gli attuali pannelli solari flessibili disponibili sul mercato per i proprietari di case rientrano nella categoria dei “pannelli a film sottile”. Un pannello fotovoltaico a film sottile è realizzato con strati che sono oltre 300 volte più sottili dei pannelli solari in silicio standard, il che conferisce loro un profilo molto più sottile al punto da renderli flessibili e utili ad es. per ricoprire tetti bombati di capannoni.

Cose da considerare prima di acquistare

A questo punto, stai forse pensando di investire nel tuo primo pannello solare ecologico, portatile e flessibile. Congratulazioni per aver preso questa decisione intelligente! Quali fattori dovresti considerare per scegliere i migliori pannelli solari flessibili? Ecco una serie di altri fattori da considerare.

Potenza: questo è spesso il primo e più importante criterio nella scelta del pannello solare flessibile giusto. Maggiore è la potenza, maggiore è il numero di dispositivi che puoi collegare, possibilmente per un periodo di tempo più lungo. Ad esempio, un pannello solare flessibile da 100 watt viene in genere utilizzato sulle barche per 2-3 ore e wattaggi più elevati (come un pannello solare flessibile da 200 watt o un pannello solare flessibile da 300 watt) vengono utilizzati nei camper o nei viaggi in campeggio. Ma ovviamente il wattaggio è direttamente proporzionale al costo.

Efficienza: si riferisce alla percentuale con cui il pannello solare flessibile è in grado di convertire la luce (diurna) che assorbe in energia utilizzabile. Ad esempio, il 15% di efficienza è uno standard di base e significa che il 15% della luce totale assorbita viene convertito in energia solare. Un pannello solare flessibile di alta qualità può offrire un’efficienza fino al 23–25%.

Durabilità: dipende dalla qualità dei materiali utilizzati nel pannello. La plastica è invariabilmente utilizzata per inserire a sandwich le celle fotovoltaiche, proteggendole così dalla polvere e dalla corrosione. La plastica ETFE offre una migliore durata e trasmissione della luce rispetto alle varietà più economiche, tra cui la plastica PET e PTE. Inoltre, i pannelli solari cristallini, anche se un po’ più costosi, sono senza dubbio superiori alle loro controparti a film sottile (almeno con la tecnologia attuale). L’impermeabilità è un’altra caratteristica allettante offerta dai principali produttori ed è assai utile nel settore marittimo.

Angolo di piegatura: 30 gradi è considerato un angolo di piegatura accettabile con la maggior parte dei pannelli cristallini. Inoltre, prendi nota in particolare del pannello solare pieghevole a 248 gradi di Renogy, che è sorprendentemente resistente e disponibile nelle versioni da 50 watt, 100 watt e da 160 watt, con una garanzia del prodotto di 5 anni.

Installazione: la buona notizia è che l’installazione di pannelli solari flessibili è principalmente un lavoro fai-da-te. In effetti, alcuni possono semplicemente essere attaccati al tuo camper usando adesivo o velcro. Tuttavia, cerca un’azienda che offra un manuale utente standard con una guida all’installazione. Se l’azienda è disposta a investire in un manuale utente di qualità, allora puoi fidarti dello standard di qualità che promette con il suo prodotto.

Garanzia: anche in questo caso, queste possono essere basate sulla qualità del prodotto. Ad esempio, Renogy offre una garanzia di 5 anni su prodotti e materiali e 25 anni sulla potenza erogata. SunPower, uno dei principali produttori di pannelli tradizionali rigidi, offre 2 anni su prodotti e materiali e 5 anni sulla potenza erogata. Ciò distingue i produttori ed i prodotti seri da quelli che non lo sono.

Dai un’occhiata ai pannelli FV flessibili con il miglior rapporto qualità / prezzo qui.



Leave a Reply