Perché i pannelli solari flessibili in EFTE sono migliori

Nel determinare le proprietà meccaniche dei moduli solari, il tipo di materiale di rivestimento utilizzato è fondamentale. Per i pannelli solari flessibili, l’ETFE è uno dei sistemi di rivestimento più popolari. È un materiale molto flessibile con proprietà meccaniche eccezionali. I pannelli solari gommati flessibili in ETFE sono incredibilmente belli, sottili e leggeri e funzionano perfettamente per applicazioni esterne. Questa tecnologia all’avanguardia è senza dubbio un miglioramento del vecchio ed economico sistema di rivestimento delle celle solari in PET.

A differenza dei tradizionali pannelli solari che richiedono una pulizia frequente, i pannelli fotovoltaici in ETFE hanno una superficie non adesiva, quindi lo sporco viene facilmente lavato via dall’acqua piovana. Per un utente di energia solare, ciò significa che i pannelli solari ETFE sono semplici da manutenere.

I moduli FV ETFE sono generalmente flessibili, semiflessibili o pieghevoli. Questi design consentono una facile installazione su superfici di tutte le forme e design, il che si traduce in più applicazioni rispetto ai tradizionali pannelli solari rigidi.

Cos’è l’ETFE e qual è il suo ruolo nei pannelli solari?

L’ETFE (etilene tetrafluoroetilene) è un fluoropolimero o plastica utilizzata come rivestimento protettivo sui pannelli solari.

I moduli FV ETFE sono generalmente flessibili, semiflessibili o pieghevoli. Questi design consentono una facile installazione su superfici di tutte le forme e design, il che si traduce in più applicazioni rispetto ai tradizionali pannelli solari rigidi.

L’ETFE è attualmente il polimero più popolare per il backsheet e il front sheet dei pannelli solari grazie alle sue eccellenti caratteristiche come l’elevata resistenza al fuoco, l’eccellente trasmittanza solare e la natura autopulente.

Il componente più cruciale di EFTE è la molecola di etano. Questa molecola è così stabile da essere in grado di tollerare stress termici e chimici.

Ci sono anche atomi di cloro nel polimero, che impediscono lo scolorimento del pannello solare dopo la continua esposizione ai raggi UV.

L’ETFE è quasi totalmente permeabile ai raggi UV, il che significa che la massima energia solare penetra nelle celle solari per la produzione di energia.

Tutti questi vantaggi portano a una cosa: una migliore efficienza dei pannelli solari ETFE.

Il ruolo principale di questa plastica esterna sui pannelli solari è proteggere i componenti interni del pannello solare, comprese le celle solari per la produzione di energia, da:

  • Tempo rigido
  • Sollecitazioni meccaniche
  • Polvere e sporco
  • Radiazione UV
  • Sollecitazioni termiche.

Inoltre, i pannelli solari laminati in tessuto ETFE sono schermati dalla conduttività elettrica tra le celle solari e l’ambiente circostante.

In linea con questi ruoli, possiamo dire che l’ETFE è uno strato isolante per pannelli solari flessibili e un must per i moduli utilizzati per applicazioni esterne.

I vantaggi dell’ETFE vanno oltre il miglioramento della produzione di energia solare. Questo polimero è realizzato con materiali sostenibili e totalmente riciclabili. Il design leggero e compatto dei pannelli solari trasparenti si traduce in basse emissioni di carbonio, soprattutto durante il trasporto.

In poche parole, l’ETFE è, almeno per ora, il materiale di rivestimento ideale per i pannelli solari flessibili.

Componenti dei pannelli solari in ETFE

Pellicola ETFE: lo strato protettivo esterno installato sulla faccia di un pannello solare ETFE. Questo materiale è un aggiornamento del vecchio materiale di rivestimento PET.

EVA (acetato di etile vinilico) – Un materiale incapsulante utilizzato per fornire supporto meccanico e tenuta ambientale extra per le celle solari. L’EVA consente una più facile penetrazione della luce solare senza essere degradata.

Fascia in gomma – Protegge i bordi dei pannelli solari dal problema della delaminazione. Per offrire una protezione adeguata, la striscia di gomma dovrebbe essere altamente resistente al calore.

Pannello di supporto – Solitamente in fibra di vetro o alluminio e il componente principale che conferisce al pannello solare la caratteristica di “flessibilità”. La fibra di vetro è un supporto superiore per i pannelli solari rispetto all’alluminio ed è notevolmente più costoso.

Celle solari: le celle solari convertono l’energia solare in corrente elettrica. Le celle solari possono essere a film monocristallino, policristallino o sottile.

Passacavi fotovoltaici: fori praticati negli angoli dei pannelli solari flessibili utilizzati per il montaggio. La maggior parte dei pannelli solari in ETFE ha 4 occhielli.

Connettori FV – Questi sono solitamente connettori MC4 che vengono utilizzati per collegare tutti i pannelli solari ETFE insieme. Alcuni pannelli solari flessibili non sono dotati di connettori MC4, quindi potrebbe essere necessario acquistarli separatamente.

ETFE vs. Pannelli solari in PET

Oltre all’ETFE, l’altro film di rivestimento comune per i pannelli solari flessibili è il PET.

PET sta per Polietilentereftalato, una plastica trasparente, robusta e infrangibile. L’ETFE sta gradualmente sostituendo questo materiale come sistema di copertura esterna dei pannelli solari flessibili.

I pannelli solari dovrebbero essere rivestiti con ETFE in quanto è la migliore alternativa al PET. Sebbene l’ETFE sia più costoso, è superiore al PET in tutti gli altri aspetti.

Pannelli solari in ETFE: quanto sono robusti?

ETFE PVs è un materiale estremamente robusto in grado di resistere a elementi esterni come grandine, vento estremo e neve, nonché ad altri stress fisici.

Questi pannelli solari sono meno soggetti a crepe e fratture. Puoi infatti calpestarli senza danneggiare i componenti interni di generazione dell’energia e i punti di interconnessione.

Grazie alla loro robustezza, i pannelli solari laminati in ETFE sono stati utilizzati per caricare dispositivi per attività all’aperto come il campeggio, l’escursionismo e la caccia.

E non si tratta solo di robustezza fisica. I pannelli solari in ETFE sono anche straordinariamente resistenti alla corrosione dello sporco e alle temperature estreme.

Leave a Reply