Quando è sicuramente una buona idea pulire i pannelli solari?

L’unico caso in cui potresti voler fare di tutto per pulire i tuoi pannelli fotovoltaici è se c’è qualche tipo di sporco localizzato che non viene rimosso dal vento o dalla pioggia. Ciò può includere cacca di uccello ostinata che si è indurita sul pannello e non viene lavata via, o foglie che sono cadute sui pannelli e forse sono rimaste incastrate contro il bordo del telaio. Pulire questo tipo di detriti può essere una buona idea perché in rari casi può causare punti caldi nel pannello fotovoltaico. Un punto caldo in un pannello solare può verificarsi quando solo una parte del pannello è ombreggiata.

Perché un punto caldo in un pannello fotovoltaico può provocare guasti?

Un tipico pannello solare è composto da 60 celle singole. Quando una delle celle è ombreggiata, non genera energia e potrebbe finire per trasportare l’intera corrente delle celle adiacenti non ombreggiate. Questo grande carico di corrente può causare un riscaldamento significativo, anche al punto in cui il pannello viene danneggiato. In casi estremamente rari, un punto caldo può provocare un incendio.

I pannelli solari hanno dispositivi integrati chiamati diodi di bypass che proteggono dai punti caldi. Esistono più diodi di bypass per la ridondanza, quindi un guasto catastrofico è molto raro. Tuttavia, si verificano guasti non catastrofici (uno che non finisce in un incendio) a causa di punti caldi, quindi tenere la merda (letteralmente) fuori dai pannelli è una buona idea.

Perché i pannelli solari devono essere puliti?

I tuoi pannelli solari convertono la luce solare (sotto forma di fotoni) direttamente in elettricità. È come una magia! Ma polvere, sporco e polline possono accumularsi sulla superficie dei pannelli, riducendo la quantità di luce che le cellule ricevono e l’elettricità che generano.

Un pannello solare è costituito da diversi strati, a partire da una robusta lastra di vetro che si trova sopra le celle fotovoltaiche sottostanti. Questo non è un normale vetro per finestre, ma un vetro temperato per resistenza (simile al parabrezza dell’auto) e rivestito con materiali antiriflesso per aumentare la quantità di luce che passa attraverso. Spesso è presente anche un rivestimento idrofobico che aiuta a respingere l’accumulo di sporco.

Tutto questo viene fatto per massimizzare la quantità di luce che colpisce le celle solari. Potresti sapere dal lavaggio delle finestre in primavera che un po’ di pulizia può improvvisamente rendere la tua casa molto più luminosa. Questo può essere vero anche per i tuoi pannelli solari. A seconda di quanto si sporcano, puoi aumentare la tua produzione di energia solo di un paio di punti percentuali, oppure puoi vedere un aumento a due cifre.

In casi estremi come i parchi solari su scala industriale, i pannelli raramente ricevono pioggia e possono essere rivestiti con uno spesso strato di sabbia che può bloccare il 50% o più della luce in entrata. In questi tipi di installazioni, la pulizia regolare è un must, motivo per cui le persone hanno inventato cose come robot per la pulizia dei pannelli solari. Per fortuna, la maggior parte di noi vive in un clima più indulgente e la necessità di pulire i pannelli solari non è così chiara.

Quando devo pulire i miei pannelli solari fotovoltaici?

La necessità o meno di pulire i pannelli dipende da alcuni fattori.

Puoi pulire in sicurezza i pannelli da solo?

Ottenere l’accesso al tetto è pericoloso per molti proprietari di case. Se non puoi farlo da solo in sicurezza, dovresti invece pagare un servizio per pulire i pannelli per te. Ogni visita può costare 100 euro o più, una spesa che potresti non recuperare mai dall’aumento della produzione di elettricità che ottieni dall’avere pannelli puliti. Perciò, se puoi raggiungere i tuoi pannelli in sicurezza, potresti decidere che vale la pena salire periodicamente su una scala per fare un po’ di pulizia.

Vedi effettivamente un calo della produzione?

Prendi l’abitudine di controllare regolarmente il tuo sistema di monitoraggio solare. In questo modo, sarai in grado di notare qualsiasi cambiamento nel tuo sistema, inclusa una lenta riduzione della produzione di energia che potrebbe derivare dall’avere pannelli sporchi. I pannelli sporchi potrebbero non essere evidenti da terra, specialmente se hai pannelli completamente neri, quindi guardare il tuo sistema di monitoraggio è il modo migliore per sapere se hanno bisogno di essere puliti.

Hai un impianto a terra?

Se si dispone di un sistema a terra, la pulizia è molto più semplice. Pagare un’azienda che venga a casa tua per pulire i pannelli ti costerà molto di più, anche se lo fai solo ogni due mesi. Quindi, se puoi raggiungere facilmente i tuoi pannelli e pulirli da solo senza danneggiarli, vai avanti. Ma è difficile immaginare uno scenario in cui valga la pena pagare qualcuno che lo faccia per te.

Un temporale pulisce i pannelli solari fotovoltaici?

Molto si chiedono: i pannelli solari necessitano di una pulizia regolare per mantenere la massima efficienza o il temporale occasionale porta a termine il lavoro per te? La verità è che dipende. In alcuni casi, la pioggia o la neve possono pulire la maggior parte dell’accumulo di polvere, ma in determinate condizioni potrebbe fare più male che bene.

Sia nei climi secchi che in quelli più umidi, fattori ambientali, diversi tipi di polvere e fattori di posizione e installazione influenzeranno quanta polvere accumulerà sugli edifici nel tempo e l’impatto che l’accumulo di polvere avrà sulla produzione di energia dei pannelli solari. Se la pioggia laverà via la polvere abbastanza da riportare i pannelli ad almeno il 95 percento dei massimi livelli di prestazione, allora sei a posto.

Se la pioggia non funziona da sola, come fai a determinare se vale la pena pulire?

Se possiedi pannelli solari per un po’ di tempo, un anno, forse di più, molto probabilmente avrai notato come la loro produzione di energia varia di mese in mese a causa dei cambiamenti meteorologici e della posizione del sole che cambia in alto con il progredire delle stagioni.

Con un po’ di esperienza nel monitoraggio del tuo impianto solare, imparerai quante fluttuazioni aspettarti nel corso di un anno. Se inizi a notare una riduzione della produzione in un momento in cui le condizioni meteorologiche sembrano alla pari con ciò che ti aspetti, i pannelli sporchi potrebbero essere il fattore principale. Se o quando ciò accade, considera queste domande:

  • I tuoi pannelli sono piuttosto piatti, tra zero e cinque gradi? In tal caso, potrebbero accumulare più sporco superficiale rispetto ad altri.
  • Vivi sottovento rispetto a un’autostrada, un aeroporto o un terreno agricolo? In tal caso, l’aria nella propria zona potrebbe trasportare quantità elevate di polvere.
  • La pioggia è abbastanza scarsa da consentire un forte accumulo di polvere? In tal caso, potrebbe essere necessario spruzzare almeno i pannelli con acqua.
  • Vivi in ​​una zona soggetta a inquinamento da smog industriale o fumo di incendi? In tal caso, potresti trovare una pellicola opaca sulla superficie dei tuoi pannelli solari che potrebbe non risciacquare.
  • La tua casa è circondata da alberi ad alto fusto? In tal caso, potresti trovare un accumulo di foglie cadute e / o escrementi di uccelli sui pannelli.
  • Hai appena attraversato una stagione di alto numero di pollini? In tal caso, potresti trovare un residuo appiccicoso che impedisce alla pioggia di lavare via lo sporco e la polvere.
  • Il tuo clima locale è abbastanza umido da far crescere il muschio intorno alla tua casa? In tal caso, non puoi presumere che la pioggia stia mantenendo puliti i tuoi pannelli? La pioggia potrebbe essere il problema.

Idealmente, si desidera pulire i pannelli in un modo che ponga a tuo favore l’equilibrio tra costo, impegno e potenziali miglioramenti dell’efficienza. Se sembra chiaro che i tuoi pannelli devono essere puliti in un modo o nell’altro, il passaggio successivo è determinare il modo migliore.

Leave a Reply