Quanti watt può gestire un regolatore di carica da 10 A?

Un regolatore di carica è lo strato di protezione per il tuo sistema fotovoltaico. I regolatori di carica sono progettati per proteggere la batteria dal sovraccarico e per impedire la corrente inversa ai pannelli durante la notte. Regolano anche la tensione che proviene dal pannello solare che può variare con le condizioni del sole e può raggiungere un picco fino a 26 volt per un pannello solare con uscita nominale da 12 volt. Il regolatore di carica solare gestisce la ricarica della tua batteria da 12V. Una volta che la batteria è carica, il regolatore di carica solare impedisce al rispettivo pannello solare di sovraccaricare la batteria da 12 V e impedisce la corrente inversa. Quando la carica della batteria diminuisce, ovvero la tensione diminuisce, il controller di carica lo rileva e consente al pannello solare di ricaricare la batteria.

Un regolatore di carica assicura che la corrente ottimale entri nella batteria senza sovraccaricarla. Funzionerà solo se il controller è dimensionato correttamente, quindi se si dispone di un controller di carica da 10 A, deve essere utilizzato entro i limiti.

Un regolatore di carica da 10 A può gestire da 130 a 150 watt di energia solare. Il sistema a 12 V utilizza spesso controller di carica da 20 A, ma se è inferiore a 150 watt, è sufficiente un controller da 10 A.

Un regolatore di carica da 10 A è abbastanza grande per il mio sistema?

I regolatori di carica sono dimensionati in base alla tensione e alla corrente del sistema solare o ampere. Il controller deve essere abbastanza grande da gestire la potenza generata dal pannello solare.

Se il tuo pannello solare è inferiore a 150 watt, è sufficiente un controller di carica da 10 amp. Se è superiore a 150 watt, avrai bisogno di un controller più grande,

Ma se la potenza del tuo pannello solare è esattamente di 150 watt, ciò spingerà il controller di carica al limite. Potrebbe essere in grado di gestire quella potenza, ma a lungo termine è meglio acquistare un’unità più grande o collegare più controller di carica.

Se non hai intenzione di utilizzare un pannello solare o una batteria di grandi dimensioni, 10 ampere saranno sufficienti. Quindi, se durante l’estate esci solo per poche ore e viaggi leggero, sono sufficienti un pannello solare da 100 W, un controller di carica da 10 A e una piccola batteria.

Ma se hai bisogno di più potenza ora – o in futuro – devi sapere come dimensionare i regolatori di carica in modo che il sistema non si sovraccarichi. Le specifiche più importanti del controller di carica sono ampere e tensioni. Questi ti diranno con quanti watt di energia solare può funzionare.

Come calcolare dimensionare il controller di carica

I valori nominali degli ampere del controller di carica vanno da 1 a 60. I più utilizzati sono 10 A, 20 A, 30 A, 40 A, 50 A e 60 A. I valori di tensione per i regolatori di carica sono 12V, 24V e 48V.

Watt del pannello solare x tensione della batteria = dimensione dell’amplificatore del controller di carica

Puoi anche aggiungere il 10%-25% agli amplificatori per la riserva di carica. Ciò influisce sulle dimensioni del controller di carica. Ecco un esempio:

Hai un pannello solare da 100 watt e una batteria da 12V. Seguendo i passaggi indicati in precedenza, 100 / 12 = 8,3 Sono 8,3 ampere, quindi un controller di carica da 10 A andrà bene.

Anche se si aggiunge un cuscinetto del 20%, il risultato sarebbe 10,3 ampere, sempre all’interno dell’intervallo. Ma se aggiungi il 25% l’amplificatore richiesto sale a 11. Un controller da 10 A può ancora funzionare ma sarebbe sotto la tua riserva di carica preferita.

Tali percentuali sono alquanto trascurabili, ma diventano più significative quando si tratta di grandi pannelli solari. Proviamo un pannello solare da 120W con una batteria da 12V. Ora 120 / 12 = 10. È esattamente a 10 ampere. Se provassi un pannello solare da 150 W sarebbe: 150 / 12 = 12,5.

Sono più di 10 ampere. Ma i regolatori solari si caricano a una tensione superiore alla loro potenza nominale. Un controller a 12V può raggiungere 14,4 volt, quindi possiamo usare 14,4 invece di 12V. Ora 150 / 14,4 = 10,4 ampere, che è leggermente sopra il limite ma è comunque utilizzabile.

Inoltre, i pannelli solari non producono sempre alla loro potenza nominale, quindi il controller dovrebbe comunque funzionare entro i suoi limiti. In altre parole, assicurati che il tuo controller di carica non sia troppo piccolo o ci saranno problemi.

Come calcolare l’amperaggio necessario del controller

Se è necessario eseguire calcoli rapidi, saranno necessarie le seguenti informazioni per calcolare manualmente l’amperaggio del controller necessario:

  • La potenza del pannello solare
  • La tensione del banco batteria (12, 24 o 48). Tipica tensione di banco perché gli inverter sono offerti in queste tensioni.

Ora entra in gioco la legge di Ohm: Amp x Volt = Watt

Esempio: array da 3.000 watt/banco batteria da 48 volt = 62,5 ampere, quindi avresti bisogno di un controller con una capacità di 62,5 ampere. La maggior parte dei controller disponibili ha 60, 80 o 96 ampere, quindi sceglieresti il ​​controller con la valutazione successiva più alta. In questo caso, sarebbe il controller da 80 ampere.

Ora, se conosci l’amperaggio del controller e vorresti capire come la massima potenza del pannello solare che può entrare nel controller, dovresti anche usare la legge di Ohm.

Esempio: controller da 80 amp x batteria da 48 volt = 3.840 watt di pannelli solari. Nota che la maggior parte dei controller consentirà un po ‘più di potenza per entrare nei controller. È qui che gli strumenti di dimensionamento o una chiamata al produttore possono aiutare.

La prossima cosa che devi assicurarti è che non superiamo la tensione di ingresso che il controller può assumere. Anche in questo caso il produttore determinerà quale tensione di ingresso dovrebbe essere inclusa nel progetto. È necessario considerare la temperatura e le tensioni a circuito aperto.

Poiché la tensione a circuito aperto FV (Voc) aumenta al diminuire della temperatura, sarà necessario assicurarsi che i valori nominali della tensione di ingresso del controller siano in grado di gestirlo nel freddo invernale. Gli strumenti di dimensionamento del produttore ti daranno il miglior design per i controller.

I due tipi di regolatori di carica

Il compito più importante di tutti i regolatori di carica solare è caricare correttamente le batterie e dar loro una vita il più lunga possibile. Esistono due tipi di regolatori di carica:

  • Modulazione dell’ampiezza dell’impulso (PWM)
  • Inseguimento del punto di massima potenza (MPPT).

La differenza tra questi due tipi di controller è che il PWM non è efficiente come l’MPPT. L’MPPT è il più comune in questi giorni e può farti guadagnare fino al 30% in più di potenza rispetto ai controller PWM. I controller MPPT consentono inoltre di collegare le stringhe di pannelli in serie per tensioni più elevate, mantenendo l’amperaggio più basso e la dimensione del filo più piccola, soprattutto per i cavi lunghi verso l’array fotovoltaico.

Quando si sceglie un controller di carica, è necessario seguire alcuni passaggi per assicurarsi di ottenere il controller giusto per il lavoro. La cosa migliore che puoi fare è utilizzare gli strumenti di dimensionamento del produttore offerti sui loro siti web. L’altra opzione è chiamare il produttore: i suoi venditori di solito saranno felici di aiutarti a scegliere il miglior controller.

Leave a Reply