Si possono collegare in parallelo due batterie differenti?

Quando colleghi 2 batterie in parallelo si equalizzano tra loro, sappiamo già che la tensione si equalizza ma quello che succede è che se hanno un livello diverso diciamo che una è al 100% e una è al 50% ci sarà uno sbalzo di corrente tra le 2 batterie quando il livello raggiunge l’equilibrio e terminano al 75%. questo sbalzo di corrente sarà sicuramente uno stress su entrambe le batterie e soprattutto su quella più debole, inoltre stai utilizzando un alto tasso di scarica/ricarica di corrente per un breve periodo che potrebbe presentare un problema. Assicurarsi quindi sempre che le batterie siano vicine allo stesso livello o completamente cariche prima di collegarle per evitare picchi improvvisi.

Cosa accadrebbe se due batterie fossero collegate in parallelo?

La batteria è un dispositivo che fornisce energia elettrica al circuito elettrico. Converte l’energia chimica immagazzinata in energia elettrica. Ci sono due terminali in una batteria. Il terminale con potenziale più alto è chiamato terminale positivo e il terminale con potenziale inferiore è chiamato terminale negativo. Qui siamo interessati a sapere cosa accadrebbe se due batterie fossero collegate in parallelo?

Supponendo che entrambe le batterie siano identiche, quando due batterie identiche sono collegate in parallelo, raddoppierà la capacità di corrente e la tensione di uscita rimarrà la stessa di una singola batteria.

Ad esempio, supponiamo che due batterie della stessa potenza, ovvero 1800 mAh, 12 V siano collegate in parallelo, la tensione di uscita del circuito in parallelo rimanga 12 V, la capacità della corrente di testa diventa 3600 mAh. Se si collegano più batterie identiche in parallelo, la tensione di uscita rimarrà la stessa ma la capacità di corrente continua ad aumentare.

Abbiamo bisogno di collegare le batterie in parallelo quando una singola batteria non può fare il lavoro. La combinazione parallela della batteria aumenta l’energia in uscita.

Che succede se due batterie di diverso voltaggio fossero collegate in parallelo?

Se due batterie di diversa tensione nominale sono collegate in parallelo, si combatteranno e cercheranno di bilanciare la tensione. Ecco le poche cose che potrebbero succedere se due batterie non identiche fossero collegate in parallelo.

In caso di piccola differenza di tensione tra due batterie, la corrente inizierà a fluire dalla batteria a tensione più alta a quella a tensione più bassa. Che non va bene per le batterie. Quando la tensione è bilanciata, il flusso di corrente cesserà.

Ma se c’è una grande differenza di tensione ci può essere una grave distruzione, una grande corrente può fluire attraverso la batteria con una tensione inferiore. Potrebbe surriscaldarsi ed eventualmente esplodere. In questo caso, la tensione non sarà mai bilanciata e l’alta corrente continuerà a fluire fino a quando la batteria a bassa tensione non sarà stata distrutta.

Oltre a questo, se c’è una differenza nella resistenza interna, influisce sul modo in cui la corrente entra ed esce da ciascuna cella. Anche se non è mai consigliabile collegare in parallelo due batterie non identiche perché non ha alcun senso è inutile e potrebbe distruggere le batterie.

In breve, quando due batterie non identiche sono collegate in parallelo, la corrente scorrerà da una batteria a tensione più alta a una batteria a tensione più bassa. Che non va bene. Una piccola differenza di tensione tra queste due batterie può essere bilanciata, ma se la differenza di tensione è elevata potrebbe distruggere la batteria a tensione inferiore.

Vale la pena sottolineare che molte persone collegano accidentalmente in parallelo batterie di voltaggio diverso ogni giorno. Per esempio:

Se mescoli marchi anche della stessa tensione etichettata, puoi riscontrare problemi. A causa dei diversi processi di produzione, le tensioni esatte delle batterie di diversi produttori possono variare leggermente. Ciò significa che una batteria da 1,5 volt della marca X potrebbe effettivamente essere 1,6 volt, mentre una batteria da 1,5 volt della marca Y potrebbe essere 1,55 volt. Se questi fossero collegati in parallelo, è improbabile che si vedano i fuochi d’artificio, ma si verificherebbero altri problemi.

  • per le batterie primarie (usa e getta), la batteria più potente tenterebbe comunque di caricare quella più debole riducendo la durata di entrambe.
  • per le batterie secondarie (ricaricabili): la batteria più potente caricherebbe quella più debole, scaricandosi e sprecando energia.

Se si collegano batterie ricaricabili in parallelo e una è scarica mentre le altre sono cariche, le batterie cariche tenteranno di caricare la batteria scarica. Senza alcuna resistenza per rallentare questo processo di carica, le unità cariche possono surriscaldarsi mentre si scaricano rapidamente e la batteria scarica può surriscaldarsi mentre tenta di caricarsi ben al di sopra delle sue capacità di progettazione.

Se mescoli batterie di età diverse, le batterie più vecchie avranno sempre una tensione inferiore poiché tutte le batterie si scaricano automaticamente nel tempo. Anche le batterie ricaricabili non si ricaricano allo stesso livello di quelle nuove.

Pertanto, le seguenti linee guida sono importanti:

  • Con batterie primarie (usa e getta): utilizzare solo batterie della stessa marca ed età (idealmente della stessa confezione). Se ciò non è possibile, ricontrolla le tensioni di ciascuna unità con un voltmetro.
  • Con batterie secondarie (ricaricabili): utilizzare solo batterie della stessa marca ed età e assicurarsi che tutte le unità siano completamente cariche prima di collegarle insieme in parallelo. Se non sei sicuro dello stato di carica, collegali singolarmente a un caricabatterie fino a quando il caricabatterie non conferma che sono completamente carichi o controlla la tensione con un voltmetro.

Collegamento di batterie di diverse capacità amperora in parallelo

Questo è possibile e non causerà grossi problemi, ma è importante notare alcuni potenziali problemi:

  • Controlla la chimica della batteria: le batterie al piombo acido sigillate, ad esempio, hanno punti di carica diversi rispetto alle unità al piombo acido allagate. Ciò significa che se si ricaricano i due insieme, alcune batterie non si caricheranno mai completamente. Il risultato qui sarebbe la solfatazione di quelli che non raggiungono mai uno stato di carica completo, riducendo la loro durata.
  • Doppio controllo delle tensioni: se si utilizzano batterie con diverse capacità di amperora, è molto probabile che le tensioni siano diverse (anche se la tensione indicata sulle etichette corrisponde). Controllalo con un voltmetro o riscontrerai problemi (coperti nel collegamento di batterie di diverse tensioni in parallelo sopra).

È per questi motivi che si consiglia di utilizzare batterie della stessa marca, voltaggio e capacità. Non farlo (se non hai le conoscenze e gli strumenti per verificare cosa stai facendo) potrebbe creare un circuito potenzialmente pericoloso.

Leave a Reply